ARTICOLI DEGLI ULTIMI 3 GIORNI
TUTTI GLI ARTICOLI DI OGGI
METEO.IT
BORSA ITALIANA
IL SANTO DEL GIORNO
23 October 2019 | Vai alla Prima Pagina
Dettaglio News
08/10/2019 - Vercelli - Politica
VERCELLI, IL CENTRODESTRA DA' QUALCHE DELEGA AL PD - Che vota (liberamente) un leghista Doc Presidente della Provincia - Eraldo Botta senza avversari verso la successione di Carlo Riva Vercellotti
VERCELLI, IL CENTRODESTRA DA' QUALCHE DELEGA AL PD - Che vota (liberamente) un leghista Doc Presidente della Provincia - Eraldo Botta senza avversari verso la successione di Carlo Riva Vercellotti
A destra con la sigaretta in mano, il Conte Edoardo Calleri di Sala, Primo Presidente della Regione Piemonte -

Il Centrodestra lascia loro un diritto di tribuna in Amministrazione provinciale e loro vanno – come suol dirsi – come l’Aretino Pietro, con una mano davanti e l’altra dietro.

Seguendo l’insegnamento del compianto Edoardo Calleri di Sala (capace di imporre una più che decennale pax dorotea subalpina, fondata sul principio: qualcosa a tutti), Lega, Forza Italia e Fratelli d’Italia registrano la convergenza sul candidato unico alla Presidenza della Provincia, in cambio di qualche delega operativa.

Come aveva anticipato VercelliOggi.it (si veda in alto la notizia correlata) dunque, il Pd di Vercelli – Valsesia manda giù la candidatura unica di Eraldo Botta (leghista di fede inossidabile, “secondo” di Gianluca Buonanno) alla Presidenza di Via San Cristoforo a Vercelli, mentre ai Consiglieri Provinciali del Pd sarà poi assegnato qualche incarico.

Sono le prove generali della futura, possibile lista unitaria per il rinnovo del Consiglio Provinciale, l’anno prossimo.

Deleghe “ottriate”, quelle concesse al Pd, perché il Partito di Via Dante, con tutta probabilità, non solo non sarebbe riuscito a vincere, andando alla conta dei voti.

Ricordiamo che per l’elezione di Consiglio Provinciale e Presidente della Provincia, votano solo Consiglieri Comunali e Sindaci di tutti i Comuni del territorio.

Ma, sono stati i conteggi della vigilia a confermarlo, agli uomini di Nicola Zingaretti, sarebbe stato difficile anche presentare un’altra candidatura.

Le nuove norme sono particolarmente restrittive e sarebbero state necessarie almeno 150 firme di Consiglieri, in Comuni grandi o piccoli di Vercellese e Valesesia.

***

Di seguito, il comunicato stampa diramato dal Segretario Provinciale del partito, Michele Gaietta.

***

“Il Partito Democratico Vercelli-Valsesia non ha espresso alcun candidato alla presidenza della Provincia di Vercelli nelle elezioni di secondo livello che si terranno domenica 13 ottobre 2019, in cui saranno chiamati a votare Sindaci e Consiglieri eletti nei comuni della Provincia.

Come noto, la riforma del 2014 ha ridisegnato le competenze e la natura della Provincia attuando una complessiva riduzione dei margini di azione politica e rappresentanza generale degli interessi della popolazione da parte dell’Ente, che ha mantenuto compiti di gestione amministrativa su specifiche materie di area vasta.

Per questa ragione, in molte province (come le vicine Biella, Novara e Asti) le forze politiche hanno iniziato percorsi di gestione unitaria, a partire dall’espressione di un candidato unico alla presidenza.

L’esperienza maturata in consiglio provinciale dagli eletti del Partito Democratico (e non solo) durante la presidenza di Carlo Riva Vercellotti, ha permesso di acquisire maggior consapevolezza sull’attività amministrativa rimasta in carico all’ente sul nostro territorio.

È sembrato quindi ragionevole provare a consolidare il dialogo tra le forze politiche presenti in consiglio, per una maggior condivisione delle responsabilità di governo. Con queste premesse è stato possibile raggiungere un’intesa in cui il candidato (unico) presidente è espressione autonoma del centro-destra, che detiene la maggioranza dei consiglieri eletti in Provincia, a cui si affiancherà una gestione allargata dell’Ente assegnando anche a consiglieri del Patito Democratico specifiche deleghe gestionali.

Questo schema che, a scanso di equivoci, riguarda “incarichi” non retribuiti, si basa sulla sola volontà di provare – in quest’anno che ci separa dal prossimo rinnovo del consiglio provinciale – a concentrarsi sulle possibili convergenze amministrative a vantaggio dei cittadini della nostra Provincia, pur nel rispetto delle differenze politiche che continuano a interessare gli altri livelli di governo comunale, regionale e nazionale.

Per quanto riguarda le votazioni di domenica 13 ottobre il Partito Democratico,che non ha contribuito all’individuazione del candidato Presidente fatta autonomamente dal centro-destra, invita i propri Sindaci e Consiglieri Comunali eletti nella Provincia di Vercelli a partecipare,lasciando libertà di voto.

(Michele Gaietta Segretario Provinciale Partito Democratico Vercelli-Valsesia).

 

NON SONO DISPONIBILI ALTRE IMMAGINI

Casale
Oggi.it - Network © - Blog
Vercelli Oggi.it Sas Di G.Gabotto & C. - P.I. 02685460020 - Direttore: Guido Gabotto
Numero telefonico unico, anche Whatsapp: 335 8457447
Mail: info@biellaoggi.it - Note Legali - Privacy
Supporto tecnologico: Etinet s.r.l - 12038 Savigliano (CN) - www.etinet.it
AGENDA - TUTTE LE INFORMAZIONI UTILI IL SANTO DEL GIORNO BORSA ITALIANA METEO