ARTICOLI DEGLI ULTIMI 3 GIORNI
TUTTI GLI ARTICOLI DI OGGI
METEO.IT
BORSA ITALIANA
IL SANTO DEL GIORNO
26 May 2019 | Vai alla Prima Pagina
Dettaglio News
13/05/2019 - Vercelli Città - Cronaca
VERCELLI, IL BILANCIO CONSUNTIVO DEL COMUNE A PASSO DI LUMACA - Si cerca di scavallare la data del 26 maggio senza discutere in Aula? - Voci di pressing sulla Presidente Manuela Naso perchè non convochi il Consiglio Comunale -
VERCELLI, IL BILANCIO CONSUNTIVO DEL COMUNE A PASSO DI LUMACA - Si cerca di scavallare la data del 26 maggio senza discutere in Aula? - Voci di pressing sulla Presidente Manuela Naso perchè non convochi il Consiglio Comunale -

Ci hanno messo 21 giorni per passare dalla approvazione del Bilancio Consuntivo 2018 (deliberato dalla Giunta Comunale di Vercelli il 24 aprile scorso) alla riunione della Prima Commissione, per l’esame preventivo ed obbligatorio.

La Commissione è presieduta da Adriano Brusco, anche se il posto è sempre toccato ad un esponente dell’Opposizione.

Nominato quando stava all’Opposizione, Brusco non si è mai dimesso.

La consuetudine, in verità, è anche concepita perché non possano capitare cose come questa: cioè la Presidenza è elemento di garanzia.

Comunque, la Prima Commissione è convocata per dopodomani, 15 maggio.

Dal 24 aprile sono 21 giorni.

***

Adesso stanno di nuovo facendo - a sentire rumors palatini - un pressing instancabile sulla Presidente del Consiglio Comunale, Manuela Naso, perché non vogliono che convochi il Consiglio per approvare il Bilancio Consuntivo.

E hanno i loro buoni motivi.

Così come hanno fatto un pressing enorme perché Manuela Naso non convocasse il Consiglio richiesto dalla maggioranza assoluta dei Consiglieri per discutere della assegnazione dei terreni dell’Area Industriale alla organizzazione francese Aprc che – tra l’altro – si occupa anche di logistica.

***

Su Aprc sembra abbiano una paura matta del confronto: che invece vogliono i Consiglieri Comunali di Opposizione, ma anche di maggioranza, perché di cose da discutere pare ne abbiano.

Ma ci torneremo nel servizio che è in preparazione su questa pericolosa avventura.

***

A proposito di una – eventualmente – mancata convocazione del Consiglio Comunale per approvare il Bilancio consuntivo, invece, saremmo ai limiti dell’eversione.

Perché è chiaro che la maggioranza abbia paura del confronto in aula, non solo per la questione se siano o no ancora in maggioranza, ma soprattutto perché si dovrebbe discutere di residui passivi.

Perché un conto è discuterne in Aula con un contraddittorio, altro conto è fare gli spot su facebook.

***

La cosa che, tuttavia, oltre al fatto in sé, se queste cose trovassero conferma nei fatti, sarebbe più inquietante, sarebbe la rivelazione di un' attitudine alla macchinazione, una familiarità con la premeditazione.

Perché da mesi, chi aveva possibilità di sondare le arie palatine, sapeva di una volontà indecente, quanto condivisa, di eludere la scadenza consiliare.

Ma si vede che ci hanno lavorato con astuzia e, infine, stanno arrivando al traguardo senza avere convocato il Consiglio.

***

Così come la macchinazione che ha portato ad erogare 200 mila euro a 60 Società Sportive per organizzare eventi tutti concentrati nei due mesi precedenti le elezioni.

Era il 15 novembre 2018 quando si poteva scrivere che fossero stati trovati ben 6 mila euro (inizialmente sembravano poco più di 3 mila) per ottenere la patacca di città europea dello Sport Aces.

La Aces è una società del tutto privata che conferisce a chi paghi questa onorificenza.

E l’ingenuo avrebbe potuto pensare: ma perché perdono tutto questo tempo, i viaggi a Roma e Bruxelles, per una patacca del genere?!

L’ingenuo.

Perché loro – evidentemente - avevano già tutto chiaro in mente.

Con la patacca si sono precostituiti un link.

Con fredda determinazione, hanno poi messo a segno la manovra: hanno preso dal Bilancio del Comune 200 mila euro o oltre per darli alle Società sportive.

A pioggia, dai 1.500 ai 30 mila euro ciascuna, perché organizzassero eventi nei due mesi precedenti le elezioni.

Dall’Europa e dal Coni non è arrivato un euro.

I 200 mila euro Sono soldi dei cittadini, presi dalle tasche dei cittadini perché siano sparsi a pioggia a società sportive che fanno eventi nei due mesi precedenti le elezioni, fino alla domenica prima del voto.

Una cosa che nemmeno il leggendario Comandante Achille Lauro, a Napoli, si sarebbe immaginato.

E comunque non è stato capace di fare.

***

Il dato in sé – i 200 mila euro presi dalle tasche dei cittadini vercellesi per gli eventi in piena campagna elettorale – è già eloquente.

Ma spaventa di più la premeditazione.

Silenziosa, determinata, spregiudicata, sempre celata dal sorriso bienfaisant, pronto a mutarsi nel ghigno beffardo compiaciuto, quando il colpo vada a segno.

***

Vedremo se costringeranno la povera Manuela Naso a mancare di adempiere al proprio dovere istituzionale.


NON SONO DISPONIBILI ALTRE IMMAGINI

Casale
Oggi.it - Network © - Blog
Tribunale di Vercelli, n.1/2010
Piemonte Oggi s.r.l. - P.I./C.F. 02547750022 - Direttore: Guido Gabotto
Numero telefonico unico, anche Whatsapp: 335 8457447
Mail: info@biellaoggi.it - Note Legali - Privacy
Supporto tecnologico: Etinet s.r.l - 12038 Savigliano (CN) - www.etinet.it
AGENDA - TUTTE LE INFORMAZIONI UTILI IL SANTO DEL GIORNO BORSA ITALIANA METEO