ARTICOLI DEGLI ULTIMI 3 GIORNI
TUTTI GLI ARTICOLI DI OGGI
METEO.IT
BORSA ITALIANA
IL SANTO DEL GIORNO
23 October 2019 | Vai alla Prima Pagina
Dettaglio News
13/09/2015 - Vercelli Città - Società e Costume
VERCELLI - Come difendersi dalla truffe online? Ce ne parla Eddy Chiapasco presidente del Centro Studi Psicologia e Nuove Tecnologie Onlus
VERCELLI - Come difendersi dalla truffe online? Ce ne parla Eddy Chiapasco presidente del Centro Studi Psicologia e Nuove Tecnologie Onlus
Eddy Chiapasco

L’ultima truffa online in ordine di tempo ha coinvolto una vercellese, di professione promoter finanziaria, che si è trovata a sua insaputa in una situazione a dir poco imbarazzante.

Da un suo indirizzo mail inattivo è partito un messaggio che ha raggiunto colleghi e superiori in cui prospettava interessanti e rivoluzionari metodi di guadagno.

Il messaggio, scritto in un italiano comprensibile, riportava le seguenti parole: “Ciao, ho recentemente acquistato un metodo molto costoso di guadagno su Internet. Il metodo funziona davvero! Ora, in un giorno guadagno molti più soldi di quanti  ne guadagnavo in un mese. Le mie statistiche per oggi? Ho guadagnato 570 euro in 40 minuti. Fico vero?”.

Superfluo riportare che la ragazza era totalmente ignara della clonazione del suo account.

E’ solo grazie all’accortezza di un collega che ha intuito nel messaggio un invito strano in concorrenza con i meccanismi della banca per cui lavorano, che la donna è stata allertata riuscendo così ad arginare l’invio del testo incriminato e la cancellazione dell’account dalla polizia postale.

Casi come questi sono uno scotto da pagare, sulla rete, dove individui subdoli approfittano delle basse soglie di protezione che caratterizzano i nostri spostamenti virtuali per mettere a segno frodi, forti di una conclamata impunità.

Abbiamo deciso di contattare un esperto del problema per aiutarci ad assumere un atteggiamento più consapevole nel mondo del web.

Eddy Chiapasco è psicologo,  psicoterapeuta e sessuologo.

Attualmente presiede il Centro Studi Psicologia e Nuove Tecnologie Onlus – un Centro con sede a Torino attivo nella ricerca e nella prevenzione dei rischi connessi all’uso delle nuove tecnologie.

Fino al 2014 è stato coordinatore del gruppo di lavoro “Psicologia e Nuove Tecnologie” istituito presso l’Ordine Regionale degli Psicologi del Piemonte e Cultore della Materia “Psicologia Clinica” presso l’Università degli Studi di Torino – Facoltà di Psicologia.

A Vercelli ha coordinato due momenti formativi molto importanti: “Minori e web, attrezzarsi per difendersi”, promosso dall’Asl di Vercelli e “Genitori digitali per nativi digitali” a cura di Spirito Sociale.

Sempre più spesso nella nostra rete di conoscenze, almeno uno o due amici hanno subito la clonazione del proprio account mail.

Quali accortezze possiamo usare per evitare questo disagio?

I principali fornitori di servizi (Google Facebook ecc) prevedono la possibilità di proteggere l’accesso con una “verifica  in due passaggi”.  

La verifica prevede che per poter accedere al proprio account sia necessario, oltre alla password, inserire un codice che viene inviato sul cellulare.

In questo modo chi volesse accedere ai nostri dati avrebbe bisogno non solo della nostra password ma anche del nostro cellulare.

A volte via mail giungono richieste di denaro di ignoti che, usando l'indirizzo clonato di un conoscente, fingono di avere urgente bisogno di denaro. Il fatto che siano sgrammaticate è un segnale ma ne giungono di altrettante scritte bene e comprensibili. Come difendersi?

Il fenomeno è molto frequente e prende il nome di Phishing.  Riguarda mail più o meno sgrammaticate che possono avere come indirizzo del mittente un nominativo conosciuto e che hanno come obiettivo quello di “pescare” i dati personali (spesso di tipo bancario) dei destinatari. I più frequenti sono: “La sua carta è stata bloccata. Clicchi qui per riattivarla” “Abbiamo notato movimenti anomali sul suo conto corrente.  Acceda per verificare”. Una regola generale di buon uso potrebbe essere quella di non accedere mai ai propri dati bancari cliccando su un link in una mail ma partire dall’indirizzo web del sito della propria banca.

Il problema si pone soprattutto quando sono i giovani internauti a ricevere questi testi…

I mittenti privilegiati di queste “truffe” sono gli adulti che hanno a disposizione maggiori possibilità di denaro.

I ragazzi si trovano spesso coinvolti in situazioni analoghe che hanno però come rischio quello di vedersi scaricare il credito della sim per un abbonamento sottoscritto in modo del tutto inconsapevole.

Chi sono i mittenti di questi testi "tossici", persone in carne e ossa o programmi?

I mittenti sono persone che usano strumenti e programmi in grado di inviare messaggi simultanei a migliaia di utenti

Poi c'è la storia del notaio di solito straniero che ci scrive per dividere i proventi di un'eredità.

Che meccanismo malato si nasconde in queste mail?

Se rispondessimo ci usano per riciclare soldi che passerebbero sul nostro conto o altro?

Esatto.

Potrebbe accadere che venga richiesto un primo pagamento in anticipo per le “piccole spese” oppure che grosse quantità di denaro transitino sul conto corrente, con il rischio di rendersi complici in attività illecite.

Diventa quindi sempre più pericoloso consultare l'home banking dal pc di casa o dati sensibili se non esiste un alto sistema di protezione dei dati....anche perché non è mai facile dimostrare la clonazione dei dati e non sempre gli istituti di credito restituiscono i soldi prelevati dai conti a insaputa dei clienti.

Diciamo che gli istituti bancari stanno investendo molte risorse per proteggere i propri clienti.

E’ vero però che dobbiamo essere molto attenti a questa tipologia di truffe.

Sarebbe opportuno organizzare eventi di informazione/prevenzione per offrire a tutti gli strumenti indispensabili per poter agire nel modo più sicuro possibile online.

VercelliOggi.it è e sarà sempre gratuito.

Puoi aiutarci a crescere effettuando una libera donazione nelle modalità seguenti,  illustrate cliccando questo link: http://www.vercellioggi.it/donazioni.asp

Commenta la notizia su https://www.facebook.com/groups/vercellioggi

NON SONO DISPONIBILI ALTRE IMMAGINI
TAGS:

Vercelli

Truffe online

Eddy Chiapasco


Casale
Oggi.it - Network © - Blog
Vercelli Oggi.it Sas Di G.Gabotto & C. - P.I. 02685460020 - Direttore: Guido Gabotto
Numero telefonico unico, anche Whatsapp: 335 8457447
Mail: info@biellaoggi.it - Note Legali - Privacy
Supporto tecnologico: Etinet s.r.l - 12038 Savigliano (CN) - www.etinet.it
AGENDA - TUTTE LE INFORMAZIONI UTILI IL SANTO DEL GIORNO BORSA ITALIANA METEO