ARTICOLI DEGLI ULTIMI 3 GIORNI
TUTTI GLI ARTICOLI DI OGGI
METEO.IT
BORSA ITALIANA
IL SANTO DEL GIORNO
12 December 2017 | Vai alla Prima Pagina
Dettaglio News
05/08/2017 - Trinese - La Posta
TRINO- Il consigliere Giovanni Ravasenga esprime le sue opinioni sul C.E.T.A. dopo il post su Facebook di Gabriele Molinari
TRINO- Il consigliere  Giovanni Ravasenga esprime le sue opinioni sul C.E.T.A. dopo il post su Facebook di Gabriele Molinari

Signor Direttore,

casualmente ieri 4 agosto, ho letto su Facebook il post del Dott. Gabriele Molinari Consigliere Regionale del Piemonte che riguardava il C.E.T.A., il trattato di libero scambio tra Canada e Unione europea, in fase di approvazione nel 2017. E poiché il post risulterebbe condiviso dai Senatori Gianluca Susta, Alessandro Maran, Benedetto Della Vedova, Stefano Esposito e dal Presidente del Consiglio Regionale del Piemonte Mauro Laus, ho ritenuto di inviare loro, e p.c. al Ministro Martina, la comunicazione che Le allego. Personalmente non credo che il CETA rappresenti un vantaggio, come ci viene stringatamente descritto, per il mondo agricolo e agroalimentare Italiano. Rispetto ovviamente le posizioni diverse dalla mia ma debbo constatare che gli indecisi e gli anti-CETA sono veramente numerosi. E non solo la Coldiretti ma anche diverse Regioni, Province, Sindaci e molte altre Organizzazioni di livello Nazionale. Segno evidente che questo stringato vantaggio come ci viene descritto, alla luce dei fatti e dello scenario agricolo e agroalimentare Italiano, ha certamente la necessità di molte e concrete spiegazioni che ad oggi mi sembrano molto occulte.

 

Grazie Direttore per la Sua ospitalità e confido che la politica sappia fornire le giuste e adeguate informazioni ad un mondo agricolo sempre più in difficoltà.

 Giovanni Ravasenga 

COMUNICAZIONE

Trino, 4 agosto 2017  

Egr. Dott. Gianluca Susta – Senatore –  

Egr. Dott. Stefano Esposito – Senatore–

Egr. Dott. Alessandro Maran – Senatore –  

Egr. Dott. Benedetto Della Vedova – Senatore –  

Egr. Dott. Mauro Laus – Presidente del Consiglio Regionale del Piemonte –

Egr. Dott. Gabriele Molinari – Consigliere Regionale del Piemonte –  

p.c. al Signor Ministro delle Politiche Agricole, Dott. Maurizio Martina  

CETA – accordo di libero scambio tra Europa e Canadà –

Casualmente ho letto su Facebook il post del Dott. Gabriele Molinari riferito al CETA e che riporto integralmente:

 

“ Prima del CETA nessun prodotto era tutelato, adesso ne vengono tutelati 41 che costituiscono il 90% delle esportazioni verso il Canadà. Quando vi dicono che “il Mondo Agricolo” è contro il CETA vi dicono bugie, oppure non sanno di cosa parlano  - Gianluca Susta – Alessandro Maran – Benedetto Della Vedova – Stefano Esposito – Mauro Laus “. Non sono un agricoltore e neppure ho esperienze in campo agroalimentare, sono semplicemente un pensionato cui piace informarsi e convinto che l’Europa è il nostro presente e il nostro futuro, ma ovviamente con una serie di “aggiustamenti radicali” tante volte promessi ma che purtroppo sono ancora da realizzare.   E proprio sul CETA, per quanto ho avuto modo di documentarmi e per le mie modeste cognizioni, mi sono fatto un’idea e una opinione del tutto personale e cioè che non si tratta di un accordo utile per l’Italia,  soprattutto per il settore agricolo e agroalimentare. L’Italia è titolare di una agricoltura di eccellenza ma che purtroppo da troppo tempo è in sofferenza per diverse motivazioni, ma anche e  perché manca a mio modesto giudizio, un piano delle coltivazioni e delle attività agricole e agroalimentari. Una sorta di piano industriale di un comparto importante per l’economia e il Pil nazionale, ma che da troppo tempo si ritrova in continua e crescente difficoltà. Lo è per il riso, per il grano duro e la cerealicoltura, lo è per l’olio e la olivicoltura, lo è per il caseario, per l’allevamento, per il latte, la frutta, gli agrumi, ecc. ecc., e chi sostiene diversamente, è il caso di dire che ”non sanno di cosa parlano”, per usare il Vostro termine.  Le cause sono molteplici molte delle quali però sono la conseguenza delle indecisioni politiche a livello comunitario ma anche nazionale e regionale. E’ quindi mia convinzione che il CETA non sia un beneficio per il nostro Paese, ma ovviamente rispetto anche le opinioni diverse dalla mia. Credo però di essere in buona

e folta compagnia e non solo della Coldiretti ma anche di molte altre Organizzazioni, di Regioni, di Province e di una moltitudine di Sindaci. Stante ancora la Vostra definizione, e trattandosi  della folta moltitudine del popolo di coloro che “… non sanno di cosa parlano …” e del quale ne faccio parte, ho Ritenuto opportuno allegarVi una modesta rassegna stampa sul tema specifico, oltre al verbale del Consiglio Europeo del 27.10.2016 (Pdf allegato) e, stante la Vostra dichiarazione su facebook, Vi rivolgo l’invito oltre ad essere un Vostro preciso dovere e responsabilità istituzionale; di spiegare dettagliatamente e concretamente con elementi sostenibili e non con definizioni in politichese, al folto pubblico degli indecisi ma soprattutto degli anti-CETA e della Coldiretti (che non mi sembrano dei destabilizzatori), che questo popolo così numeroso oltre a “non sapere di cosa parla”, è anche sulla strada sbagliata, forse perché disinformato dalla politica innanzitutto. Un invito che farebbe chiarezza, che potrebbe raccogliere maggiori consensi e che ho più volte rivolto a molti Politici senza mai ottenere risposte.  E per richiamare ancora il post su Facebook, mi sorge il dubbio che probabilmente condividerete e cioè; non è che invece siano proprio quei Politici (molti) che rispondono quasi sempre con frasi preconfezionate costruite con l’arte del copia-incolla o non rispondono mai come lo è la moltitudine dei casi ……… ad essere proprio Loro a non sapere di cosa parlano ??.  

Vi ringrazio per l’attenzione e confido nella Vostra risposta.  

Con Ossequio,

Giovanni Ravasenga

 

 

 

 

 

     

NON SONO DISPONIBILI ALTRE IMMAGINI
CasaleOggi.it
Iscrizione R.O.C. n° 23836 - Data ultimo aggiornamento: 2 ottobre 2014 - Direttore responsabile: Guido Gabotto
Editrice: "PIEMONTE OGGI SRL" - P.I./C.F. 02547750022 - Via F. Petrarca 39 - Vercelli - Tel. 0161 502068 - Fax 0161 260982
Mail: info@biellaoggi.it - Note Legali - Privacy
Supporto tecnologico: Etinet s.a.s - 12038 Savigliano (CN) - www.etinet.it
AGENDA - TUTTE LE INFORMAZIONI UTILI IL SANTO DEL GIORNO BORSA ITALIANA METEO